“Broken Machine”: il nuovo album dei Nothing But Thieves

(scroll down for the English version)

Oggi il quintetto di Southend ha pubblicato il suo secondo album. Si chiama “Broken Machine“.
Abbiamo già avuto l’occasione di ascoltare quattro singoli estratti al nuovo disco e ci sono piaciuti molto. Saranno le altre tracce alla stessa altezza dei quattro singoli? Scopriamolo insieme!

Broken Machine si pone come una sorta di concept album; infatti tratta di argomenti quali la salute mentale, la religione e la politica. Ci sono due precise differenze rispetto al primo album; la band ha esplorato un nuovo sentiero sonoro che ha guidato all’eclettismo del disco, i testi si sono lasciati alle spalle anche quella minima dose di banalità e i ragazzi hanno guadagnato molta più sicurezza. Sanno bene cosa sono capaci di fare adesso e sono inarrestabili, come un fiume in piena.
Come si sa, la fase del secondo album è difficile da superare per qualsiasi artista, ma soprattutto se hai pubblicato un ottimo disco di debutto. I Nothing But Thieves hanno dimostrato di avere le carte in regola per poter fare tutto.

Particles” è una delle canzoni più toccanti e introspettive dell’intero disco. È una lettera aperta dove Conor racconta la sua vita in tour dove ha quasi rischiato un esaurimento (“[…] That I get self-destructive / And it’s driving you away / Piece by piece / Day by day / My mind plays tricks / And I don’t sleep no more / Doctor, please / I can’t switch off”).

Live Like Animals” tratta di poltica ed è palese il soggetto a cui è rivolta la frecciatina (“So write your name as you come in / In case we want to kick you out / We’re gonna make you build a wall / We’re gonna live like animals”). Questa canzone è particolarmente interessante perché è abbastanza diversa da tutti i brani da loro proposti fino ad ora. Ci sono parti rap e anche perché è appunto l’esempio migliore di sperimentazione che ritroviamo in Broken Machine. Anche la title track ci ha colpiti per il sound elettronico e l’uso della drum machine.

I Nothing But Thieves hanno superato ampiamente il compito. Due anni in giro per il mondo hanno plasmato la loro sicurezza e ciò è stato apprezzato.
Questo disco è ciò che avevate sempre voluto e non lo sapevate.

Voi lo avete già ascoltato? Che ne pensate?

 

_________________________________

 

Today the five-piece from Southend released their sophomore album. It’s called “Broken Machine“.
We have already listened to four singles that they released from the new album and we really liked them. Will the other tracks be as good as them? Let’s find out!

Broken Machine is a sort of concept album which talks about the topics of mental health, religion and politics. There are two clear differences from the self-titled; the band explored a new sound path and this led the album to be very eclectic, the lyrics lost even that tiny amount of triviality and the guys gained more confidence. They know right what they can do now and they’re unstoppable, like a flood.
As we know, the stage of the second album is difficult to overcome for every artist but especially if you put out a good debut. Nothing But Thieves proved to have the right stuff to do everything.

Particles” is one the most touching songs on the album. It’s like an open letter where Conor talks about his life on tour where he almost risked to burn himself out (“[…] That I get self-destructive / And it’s driving you away / Piece by piece / Day by day / My mind plays tricks / And I don’t sleep no more / Doctor, please / I can’t switch off”).

Live Like Animals” is about politics and it’s pretty clear the subject of the jab (“So write your name as you come in / In case we want to kick you out / We’re gonna make you build a wall / We’re gonna live like animals”). This song is particularly interesting because is pretty diverse from every song they released before. There are rap parts and it’s the perfect example of experimentation in Broken Machine. The title track also struck us because of the electronic sound and the use of the drum machine.

Nothing But Thieves passed largely the task. Two years on the road moulded their confidence and we loved it.
This is the album that you’ve ever wanted and you didn’t know about it.

Did you listen to it already? What do you think about it?

Valeria Di Prima
Maestra di self-deprecation, pizza lover. Quando non è impegnata a piangersi addosso e a mangiare pizza, fa indigestione di musica e fangirleggia. Sa sfoderare un accento posh britannico alla pari della Regina Elisabetta.

No Comments

Post a Comment